Conferenza Internazionale sul Linguaggio Audiovisivoo

Dopo aver scandagliato con il Festival “Una Città in Cinema” i vari aspetti legati alle tecniche e ai mestieri del cinema, l’Istituto Cinematografico dell’Aquila ha voluto, attraverso la “1a Conferenza Internazionale sul Linguaggio Audiovisivo” estendere il suo campo di Ricerca. L’obiettivo della manifestazione è stato quello di radiografare l’universo immagine, comprenderne le strutture e verificarne i mutamenti attraverso l’analisi dei più attuali problemi relativi al linguaggio audiovisivo.

Presenti professionisti provenienti da tutto il mondo (Italia-Francia-Ungheria- Spagna-Stati Uniti-Germania) si sono così analizzate le dinamiche di un linguaggio complesso, espressione dei vari mezzi di comunicazione. Si sono altresì presi in considerazione differenti mondi del lavoro in cui l’immagine è protagonista e che richiedono professionalità competenti.
Nell’ambito della Conferenza si è tenuto un corso specifico riguardante il lavoro dello scenografo ed il rapporto tra scenografia e nuovi linguaggi. E’ stato così possibile analizzare il percorso artistico di un grande vecchio come Robert Boyle legato al cinema di Alfred Hitchcock, ma anche il lavoro dello scenografo in produzioni video, ad esempio quello realizzato dalla Società Synapse di Los Angeles. Non si è trascurata la ricerca scenografica legata agli effetti speciali (un esempio significativo il lavoro di Alex Funke).
Grazie alla presenza di prestigiosi professionisti ed ai temi trattati le Manifestazioni di Dicembre hanno riscontrato una folta partecipazione di pubblico, non solo di addetti ai lavori, ma anche di molti giovani interessati a problematiche che sicuramente modificheranno i futuri rapporti di lavoro. Si è calcolata una presenza pari a 2000 persone al giorno. La stampa nazionale ed internazionale, nonchè le TV nazionali e locali hanno dato ampio risalto alle iniziative.
Fra le attività da segnalare, all’interno della 1a Conferenza Internazionale, merita rilievo il progetto presentato dall’Istituto in vista dell’affermazione sempre più presente nella società odierna delle Arti dell’immagine come Bene culturale.

  • Autori e linguaggio – L’insegnamento di Miklos Jancso
  • Omaggio a Nestor Almendros
  • Il cinema oltre il cinema – Autori e tecniche
  • Mondi in movimento – dalla televisione alla realtà artificiale
  • Nuove produzioni multimediali – Roma imago urbis
  • Le arti dell’immagine come bene culturale – esperienze e strategie nel settore pubblico e privato
  • Osservatori a confronto – incontro-dibattito su: “Il critico e l’universo immagine – quale rapporto?