Sei in: Centro Archivio/Patrimonio/Cineteca/Il restauro

Cineteca

Il restauro

La Cineteca dell’Aquila mette a disposzione il proprio patrimonio per operazioni di restauro e salvaguardia dei capolavori del Cinema che vogliano essere filologicamente corrette.
Tale attività, svolta in sinergia con i professionisti del settore e con l’ausilio delle più moderne tecnologie, ha lo scopo di preservare le opere a rischio di estinzione, per tutelare la memoria del cinema come bene strco e culturale.

I restauri e gli interventi realizzati dal 2000:

  • I Vinti di Michelangelo Antonioni. Collaborazione con la casa di produzione Minerva Pictures di Roma ed il Museo Nazionale del Cinema di Torino. Lavorazione di alcune sequenze introvabili tratte dalla copia del film di Antonioni, per riportarlo alla sua versione originaria e realizzarne l’edizione in dvd. Collaborazione con la Cineteca Nazionale – Scuola Nazionale di Cinema per l’operazione di restauro.
  • Come inguaiammo il Cinema Italiano. La vera storia di Franco e Ciccio di Daniele Ciprì e Franco Maresco, documentario presentato fuori concorso alla 61 Mostra del Cinema di Venezia. Collaborazione con la casa di produzione Lucky Red di Roma. Utilizzo di alcune parti dei film Amarcord di Federico Fellini e Ultimo tango a Zagarolo di Nando Cicero, provenienti dalla Cineteca dell’Aquila.
  • Japon Series di Cécile Fontaine. Operazione di restauro condotta sul cortometraggio della regista francese, esponente del Cinema Sperimentale. Lavorazione realizzata dal laboratorio transalpino “Ad Libitum”.
  • Dodes’ka Den di Akira Kurosawa. Collaborazione con Studio Emme di Roma. Lavorazione della colonna sonora italiana per l’edizione in dvd del capolavoro di Kurosawa.
  • Nostra Signora dei Turchi di Carmelo Bene. Collaborazione con la Cineteca Nazionale – Scuola Sperimentale di Cinema per l’operazione di restauro.