Sei in: Centro Archivio/Proposte culturali/Eventi

Eventi

L’Elefante di Raffaello, Sabato 13 Giugno ore 21.00, progetto Lo sguardo del cinema tra ambiente, tradizioni e territorio

Sabato 13 Giugno, 76° anniversario della Liberazione dell’Aquila dall’occupazione nazifascista, la Compagnia della Contessa propone il proprio contributo celebrativo facendo debuttare la sua ultima produzione: L’Elefante di Raffaello, un radiodramma spiritoso e nel contempo reverente per ricordare, dopo cinquecento anni, Raffaello Sanzio e l’amico aquilano Giovanni Battista Branconio.

L’appuntamento è per le ore 21:00 sul sito www.compagniadellacontessa.it

Il radiodramma è la versione senza scene e senza costumi dello spettacolo che, per il dilagare del Coronavirus, non è stato possibile presentare nelle sale teatrali. Nel radiodramma, come nell’originaria versione teatrale, s’immagina che possa succedere di tutto, se una giornalista arrivata dal “mondo alla rovescia”, cioè dall’Australia, piomba in Italia nel bel mezzo delle riprese di un film su quel Raffaello che i contemporanei definirono “divino pittore”.

Si svolgono dialoghi tra personaggi che attraversano la barriera dei secoli, con esilaranti fraintendimenti e drammatiche rivelazioni. Intorno al misterioso elefante che fa da motore all’intera vicenda, si snoda l’evocazione della profonda amicizia con la quale Raffaello fu legato a Branconio, il gentiluomo aquilano annoverato tra i personaggi di spicco della corte pontificia negli anni culminanti del Rinascimento.

L’Elefante di Raffaello è anche una smagliante esibizione dell’impegno tecnico e del talento con cui i giovani, ma già brillantemente affermati, componenti della Compagnia della Contessa hanno saputo superare le difficoltà del blocco operativo e del distanziamento fisico imposti dalla lotta contro il Covid-19.

Infatti, gli 8 attori e i 5 musicisti coinvolti, non potendo trovarsi l’uno accanto all’altro negli studi di registrazione collaborativamente resi disponibili da SpazioRimediato e BricaLab, hanno dovuto incidire tutti singolarmente i rispettivi interventi. Poi, è sopraggiunto il lungo lavoro in cabina di regia per montare ogni parte nella corretta sequenza, intrecciare il recitato con la musica e l’effettistica, equalizzare le caratteristiche del suono e dare complessivamente “smalto” al prodotto.

Insomma, artisti e tecnici, con l’accorta guida del regista Fabrizio Pompei, hanno offerto un’ennesima riprova della creatività e determinazione con le quali il mondo dello spettacolo – Covid o non Covid – sa onorare la tradizione che vuole “the show must go on”.

La base dell’intero procedimento è stata assicurata dalle partiture appositamente create da Errico Centofanti per il testo letterario e Sabatino Servilio per il testo musicale.

I personaggi del radiodramma appartengono a 4 diversi mondi tra loro interagenti. Gli attori che danno vita al mondo della radio sono Ilaria Mícari, Marco De Paulis, Rosa Gaia Sciarretta. Gli attori che fanno il mondo di Raffaello sono Claudia Muzi, Federico Colapicchioni, Alberto D’Amico. Quelli che danno vita al mondo del cinema sono Giuseppe Tomei e Gemma Maria La Cecilia. I musicisti che esprimono il mondo della musica sono Rita Alloggia, Sabatino Servilio, Claudia Vittorini, Lorenzo Scolletta, Marco Crivelli. Accanto a loro, Diego Sebastiani per il Sound design e Umberto Di Nino per l’Art direction.

L’Elefante di Raffaello è un progetto ReStart; una produzione della Compagnia della Contessa, in collaborazione con l’Associazione Multietnica Gentium e l’Istituto Cinematografico La Lanterna Magica; patrocinio del TSA Teatro Stabile d’Abruzzo.

(contatti per eventuali chiarimenti: info@compagniadellacontessa.it oppure Fabrizio Pompei 328 342 7959)

L'elefante di Raffaello locandina

I bozzetti della costumista Marilù Carteny conservati nel Centro Archivio Cinematografico in una mostra dedicata a Sergio Leone presso il Museo dell’Ara Pacis a Roma

Sarà possibile visitare fino al prossimo 30 Agosto 2020, la grande esposizione dedicata a Sergio Leone presso il prestigioso Museo dell’Ara Pacis a Roma. Dopo il successo riscontrato in Francia presso la Cinémathequè Française a Parigi, anche in Italia è prevista la bellissima iniziativa sul grande regista romano denominata C’era una volta Sergio Leone, parafrasando proprio i titoli  dei suoi celebri film. L’esposizione comprende un vero e proprio percorso sull’universo artistico del regista non soffermandosi solo sulla sua produzione cinematografica ma andando ad esplorare anche l’uomo e la sua formazione.

L’iniziativa è ideata dalla Cineteca di Bologna con la collaborazione della Cinémathequè Française di  Parigi, dell’Istituto Luce Cinecittà e vede la presenza di ben 8 bozzetti realizzati dalla costumista Marilù Carteny per il celebre film C’era una volta il West. I preziosi e rari materiali sono conservati nel Centro Archivio Cinematografico della “Lanterna Magica” e ritraggono la straordinaria attrice italiana, Claudia Cardinale.

Inoltre, all’interno della nuova pagina La cultura non si ferma, del sito del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, è possibile visualizzare la suggestiva mostra digitale del celebre capolavoro di Sergio Leone, C’era una volta il west. L’iniziativa realizzata dall’Istituto Cinematografico dell’Aquila nello splendido scenario del monastero di Santo Spirito ad Ocre – L’Aquila, propone in  correzione le immagini del film con i bozzetti originali realizzati dalla costumista Marilù Carteny con un risultato di grande effetto grazie all’utilizzo delle attuali tecniche digitali.

Al via LANTERNA MAGICA FILM FEST

Ha preso il via l’iniziativa, denominata LANTERNA MAGICA FILM FEST, curata e promossa dall’Istituto Cinematografico dell’Aquila “La Lanterna Magica”, con la proiezione di alcuni lungometraggi disponibili sulle piattaforme didattiche di diversi Istituti scolastici del comprensorio, incentrati sul delicato rapporto tra genitori e figli.

Numerosi studenti potranno dunque assistere ad una serie di proposte cinematografiche che prendono spunto proprio da questo argomento, Mamma e Papà: istruzioni per l’uso. Le restrizioni in atto in questi ultimi mesi hanno costretto gli operatori culturali della “Lanterna Magica” a modificare necessariamente le varie iniziative in programma e dunque, Dirigenti scolastici ed insegnanti hanno accolto con favore la possibilità di far fruire on-line le proposte cinematografiche.

Gli studenti potranno visualizzare su canali dedicati i lungometraggi fino alla fine di questo anno scolastico, indicando il film che a parer loro è risultato più significativo e segnalarlo ai loro insegnanti di riferimento. Queste prime iniziative sono riservate agli Istituti scolastici, mentre nell’imminente periodo estivo, l’Istituto Cinematografico dell’Aquila, proporrà una serie di appuntamenti aperti al pubblico proponendo diversi titoli cinematografici attraverso la suggestiva e coinvolgente modalità del Drive in che consentirà in tutta sicurezza e con un adeguato distanziamento sociale di poter godere dello spettacolo cinematografico.

L’idea progettuale proseguirà successivamente all’interno degli Istituti scolastici fino al mese di dicembre 2020 con attività laboratoriali, cineforum ed incontri specifici per l’approfondimento della tematica trattata. Il percorso terminerà con la realizzazione di un prodotto audiovisivo realizzato dalle classi coinvolte.

Il progetto complessivo è inserito all’interno del Bando Cinema per la Scuola – Buone pratiche, Rassegne e Festival, proposto dal MIUR – Ministero dell’Istruzione, Ministero dell’Università e della Ricerca.