Sei in: Centro Archivio/Proposte culturali/Eventi

Eventi

Omaggio a Ugo Tognazzi a 100 anni dalla sua nascita

Nasceva il 23 marzo 1922 Ugo Tognazzi. Oggi a 100 anni dalla sua nascita vi proponiamo il video che abbiamo creato con degli estratti in ordine cronologico delle pellicole che possiede la nostra Cineteca “Maria Pia Casilio”: Il federale (1961) di L. Salce, La donna scimmia (1963) di M. Ferreri, Nell’anno del Signore (1970) di L. Salce, Il Generale dorme in piedi (1972) di F. Massaro ,  Il Maestro e Margherita (1972) di A. Petrovic, la Grande abbuffata (1973) sempre di F. Massaro,  Il Maestro e Margherita (1972) di A. Petrovic, Romanzo popolare (1974 ) di M. Monicelli, La Mazurka del barone, della santa e del fico fiorone (1975) di P. Avati,  I nuovi mostri (1977) di E. Scola, D. Risi, M. Monicelli e  Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno (1984) di M. Monicelli.

L’esordio al cinema di Ugo Tognazzi arriva nel 1950 con il film “I cadetti di Guascogna”, diretto da Mario Mattòli, in cui recita al fianco di Walter Chiari. Nel 1951 avviene l’incontro con Raimondo Vianello: i due formeranno una coppia comica di straordinario successo, lavorando soprattutto nella neonata televisione (1954). A consacrare la coppia Tognazzi-Vianello sul piccolo schermo sarà il varietà “Un due tre” (primo esempio di satira televisiva italiana, che non eviterà di toccare Presidenti della Repubblica e del Consiglio). Questi sono anche gli anni d’oro della commedia all’italiana che vede tra i protagonisti assoluti del cinema Alberto SordiNino ManfrediMarcello Mastroianni e Vittorio Gassman. Ugo Tognazzi si inserisce in questo panorama romano e romanesco, portando in dote le sue radici padane, capace quindi di interpretare personaggi e stereotipi dell’operosa Milano così come della godereccia Bassa Padana (Cremona, Piacenza e Modena). Interpreta alcuni personaggi emiliani – e più specificamente parmigiani – agli ordini prima di Alberto Bevilacqua (“La Califfa”, 1971; “Questa specie d’amore”, 1972) e poi di Bernardo Bertolucci (“La tragedia di un uomo ridicolo”, 1981, che vale a Tognazzi la Palma d’Oro al Festival di Cannes come miglior attore protagonista). Parallelamente alle esperienze di cinema d’autore, recita nelle trilogie di “Amici miei” (1975, 1982, 1985) e “Il vizietto” (1978, 1980, 1985), opere da uno straordinario e duraturo successo di pubblico. Seguiranno una serie di altri successi cinematografici e teatrali…

https://fb.watch/bWTQrF3mfU/

L’Istituto Cinematografico celebra la Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

In occasione della Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, l’Istituto Cinematografico dell’Aquila “La Lanterna Magica” propone agli Istituti Scolastici un momento di riflessione per ribadire l’impegno quotidiano di tutta la società civile a non dimenticare.

Lunedì 21 marzo 2022 gli studenti della Provincia dell’Aquila avranno la possibilità di vedere in streaming il film I cento passi diretto da Marco Tullio Giordana (Italia, 2000) che racconta la vera storia di Peppino Impastato, giornalista attivo nella lotta alla mafia in Sicilia. Nato e cresciuto in una famiglia legata all’ambiente mafioso, Peppino cercherà in tutti i modi di dissociarsi dalla malavita, anche se questo gli costerà caro.

La storia di Peppino Impastato è un tassello importante per la lotta alla mafia e merita di essere ricordata e rivalutata. I cento passi è anche un film che sa mettere in scena efficacemente il trauma della diversità e la tragedia dell’incomunicabilità. Peppino si sente o viene definito “diverso” e per questo viene escluso: perché non vuole compiere i cento passi che separano la sua abitazione da quella del boss, non vuole trasformare la contiguità in complicità, non vuole firmare un “contratto sociale” basato sulla connivenza, sul silenzio e sull’omertà.

Il film sarà seguito dal contributo cinematografico di Katiuscia Tomei.

Preziosa la collaborazione dell’Ufficio Scolastico Provinciale dell’Abruzzo che ha accolto l’iniziativa promuovendola presso le sedi scolastiche.

Questi i link per seguire in streaming l’iniziativa:

I Cento passi di Marco Tullio Giordana (Italia, 2000):
https://www.youtube.com/watch?v=rYPOKVmPEFQ

Approfondimento cinematografico di Katiuscia Tomei:
https://youtu.be/HKeku4dl-CQ

21 Marzo_Giornata Mafie

 

21 marzo_Giornata Mafie

 

La mostra “Stanlio e Ollio fanno 100. 1921-2021” va a Bologna

L’Istituto Cinematografico dell’Aquila “La Lanterna Magica” propone a Bologna la mostra “Stanlio e Ollio fanno 100. 1921-2021” grazie alla collaborazione della Roma Film Academy e di Policinema, scuola di formazione per cinema e tv. Allestita la scorsa estate a L’Aquila presso il MuMAC, Museo dei Mestieri e delle Arti del cinema, quest’anno l’esposizione sarà a Bologna, Via Riva Reno, 75e, da domenica 13 marzo al prossimo 3 aprile.

Stan Laurel e Oliver Hardy hanno rappresentato la massima espressione del cinema comico a livello internazionale e sono la più grande coppia di comici nella storia del cinema. Il loro umorismo cinematografico, fresco e sempre attuale, dura da decenni e ispira le nuove generazioni.

La mostra prevede l’esposizione di un vasto materiale originale di “memorabilia” proveniente dalle collezioni Pignatiello-Santilli-Venier; locandine, manifesti, fotobuste saranno arricchite dalla proiezione di alcune opere della cinematografia di Stanlio e Ollio in versione italiana restaurate e digitalizzate in HD nell’ambito del progetto “SOS Stanlio e Ollio”, oltre che da materiali audiovisivi e sonori appositamente realizzati.

L’Istituto Cinematografico, infatti, promuove da qualche anno il progetto “SOS Stanlio e Ollio”: salviamo le versioni italiane dei film di Laurel & Hardy!, che prevede il recupero e la digitalizzazione in HD delle versioni italiane in pellicola dei classici del duo comico realizzati per il produttore Hal Roach. Con il Coordinamento Scientifico-Culturale di Pierluigi Rossi e Manuela D’Innocenzo e la direzione artistica di Enzo Pio Pignatiello, Simone Santilli e Paolo Venier, il progetto intende riuscire a realizzare, in un futuro prossimo, una esauriente collana di opere restaurate in DVD e Blu-ray e di favorire un ritorno in pellicola, restituendole, con una veste rinnovata, alla memoria collettiva.

sos_web (1)

 

70×100